Italian English

BENVENUTO NELLA SEZIONE STREGHE E MAGHI

Troverai informazioni su tutti i maghi e le streghe
Bridget Wenlock (Aritmanzia)
Pin It

Bridget Wenlock (nata nel 1202 a Tinworth, in Cornovaglia, e morta nel 1285) era una famosa strega e aritmante inglese del XIII secolo e la prima a stabilire le proprietà magiche del numero sette. Era principalmente nota per essere estremamente protettiva nei confronti dei suoi teoremi, quindi scriveva molte delle sue idee con inchiostro invisibile.

Nella sua giovinezza, ha frequentato la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts dal 1213 al 1220 circa, dove ha sfidato lo stereotipo dei maghi intelligenti provenienti solo da Corvonero venendo smistata in Tassorosso. Presumibilmente ha frequentato e studiato aritmanzia a Hogwarts dal terzo anno in poi.

Dopo essersi diplomata alla scuola di Hogwarts, Bridget Wenlock ha studiato ulteriormente l'aritmanzia, diventando un'abile e celebrata aritmante.

Wenlock, come molti altri ricercatori magici, era molto protettiva nei confronti delle sue scoperte; la sua paranoia era tale che scriveva esclusivamente con inchiostro invisibile, capovolta, al contrario e con una calligrafia atroce. Si fece notare anche per la sua distrazione, riuscendo a perdere prontamente pezzi di carta in cui aveva scarabocchiato note invisibili. Per questo motivo, non era uno spettacolo insolito vederla ripercorrere i suoi passi attraverso la sua città natale, tentando di usare l' Incantesimo Rivelatore su ogni pezzo di carta che incontrava, alla ricerca di un calcolo di Aritmanzia perduto.

Fu un giorno, durante la colazione, che Wenlock scrisse il famosissimo teorema che supportava le proprietà magiche del numero sette. Lo scrisse su quello che pensava fosse il retro di una busta, con il solito Inchiostro Invisibile. Quello stesso giorno, inviò una lettera a sua cugina, usando quella che in seguito si rese conto essere la busta in cui aveva scritto il teorema. Wenlock afferrò subito la sua scopa e riuscì a superare il gufo che trasportava la lettera a metà volo, ma il gufo si rifiutò di consegnare la lettera a chiunque tranne il suo destinatario. Dopo diversi morsi e graffi, Wenlock ha dovuto ricorrere semplicemente a seguire il gufo a casa di suo cugino a John O'Groats, a circa 600 miglia di distanza.

Quando ha finalmente recuperato la busta da suo cugino, un Incantesimo Rivelatore ha rivelato che non conteneva altro che una ricetta per una torta. Fu solo quando tornò a Tinworth che Wenlock scoprì che i suoi calcoli erano scarabocchiati su una bustina di zucchero che era ancora sul tavolo della sua cucina. Fu proprio questo teorema che la rese un'aritmante così celebrata nei secoli a venire.

Ad un certo punto, Bridget presumibilmente ha avuto dei figli, poiché aveva una parente di nome Daphne Wenlock che, dal 2020, lavorava in una locanda al numero sette di Aldwych Road a Tinworth.

Wenlock morì nel 1285, all'età di circa 83 anni. In suo onore, il suo conseguimento in Aritmanzia fu registrato su una figurina delle cioccorane, la numero 32 serie bronzo.

C'era anche un suo ritratto appeso nel corridoio del sesto piano del castello di Hogwarts , che nascondeva un passaggio segreto alla Stanza dei ritratti (la password era Snafflejack ). C'era anche un suo busto nel Corridoio della Signora Grassa, al settimo piano del Castello. 

Durante il suo terzo anno alla scuola di Hogwarts , tra il 1987 e il 1990, Gabriel Truman ebbe grossi guai per aver duellato con un prefetto di Corvonero, il quale insistette sul fatto che Bridget Wenlock fosse venuta da casa sua. Invece di una settimana di detenzione, La professoressa Sprout lo ha lasciato andare con un avvertimento e una scatola di ghiaccio al cocco.

Dietro le quinte

  • È interessante notare che sia il nome che il cognome di Bridget Wenlock sono lunghi ciascuno sette lettere.
  • La sua abitudine di scarabocchiare le sue teorie su frammenti di carta potrebbe essere un riferimento al matematico Pierre de Fermat, famoso per aver scritto le sue teorie a margine dei suoi libri. Il più famoso di questi è l'Ultimo Teorema di Fermat, che non fu dimostrato fino al 1994, oltre 300 anni dopo la sua morte.


Leggi il Disclaimer dei contenuti e le risorse di appartenenza

Back To Top