Italian English

SEZIONE NOTIZIE MONDO

Benvenuto nella sezione Notizie Mondo "Troverai tutte le notizie aggiornate quotidianamente"
Harry Potter: Jessie Cave commenta la pessima esperienza avuta sul set dei film

Ci sono attori della saga che non si dimenticano mai e altri che anche in secondo piano riescono loro malgrado a ritagliarsi una fetta di "ricordo" nella mente dei fan della saga. Tutti ci ricordiamo di Daniel Radcliffe, Emma Watson, Rupert Grint, Tom Felton, icone storiche di una serie di avventure ad Hogwarts che hanno lasciato in passato, come anche oggi, tutti con il fiato sospeso. 

Loro, i principali protagonisti, hanno avuto una esperienza cinematografica senza precedenti ma non sempre, per tutti gli attori, in maniera positiva.

Una delle attrici secondarie di alcuni film della serie, infatti, durante una recente intervista ha esposto alcune problematiche emerse sul set degli ultimi 3 fil di Harry Potter. Si tratta di Jessie Cave, attrice e oggi comica affermata. Ne Il Principe Mezzosangue prima e poi ne I Doni della Morte Parte 1 e 2, ha interpretato Lavanda Brown, la ragazza che si innamora follemente di “Ron-Ron” Weasley.

In un’intervista per "The Independent", ha rivelato che la pessima esperienza sul set dei film è stata dovuta ad un aumento di peso tra il sesto capitolo della saga e gli ultimi due:

"Ho preso molto peso dopo aver fatto Harry Potter, solo perchè non mi stavo affamando. Stavo crescendo ed è successo – quindi il ritorno sul set per I Doni della Morte parte 1 e 2 – Sono stata trattata come una specie diversa. È stato orribile. Probabilmente aveva a che fare più con me stessa e le mie insicurezze, sapevo che non entravo nelle stesse taglie di jeans, ma era un periodo in cui le attrici non erano più grandi di una taglia 8. Nel primo film lo ero, poi sono diventata una taglia 12. Ed è stato davvero orribile. Un’esperienza davvero poco piacevole".

"Mi sono sentita invisibile quando ho preso un po’ di peso. E da allora, mi ha causato strani problemi col peso e il lavoro. Ed è una ca**ata, ma è così. Le donne hanno a che fare con questo tutto il tempo. Se fossi rimasta magra – innaturalmente magra, infelicemente magra – probabilmente avrei avuto più ruoli e non avrei iniziato a scrivere. E quindi non so chi sarei stata oggi perchè scrivere è ciò che sono. Sono quasi grata di aver preso tutto quel peso". - L’occasione per l’intervista, infatti, è stato il lancio del suo romanzo Sunset.

{nloadposition disclaimer_risorse}

Back To Top