Italian English

SEZIONE NOTIZIE MONDO

Benvenuto nella sezione Notizie Mondo "Troverai tutte le notizie aggiornate quotidianamente"
Harry Potter: In Ungheria i nuovi emendamenti anti-pedofilia rischiano di limitare o vietare addirittura la saga

In una dichiarazione della RTL Klub Magyarország si apre la protesta al progetto di legge anti-pedofilia e ai suoi emendamenti che andrebbero a limitare la visualizzazione o addirittura vietare alcuni tra i Film più famosi dell'universo cinematografico. La dichiarazione dell'emittente fa notare come, se adottati gli emendamenti al progetto di legge nella loro forma attuale, opere come Billy Eliott, Philadelphia, il diario di Bridget Jones o anche parti degli adattamenti cinematografici di Harry Potter potrebbero essere mostrate solo a tarda notte a persone di età superiore ai 18 anni e serie come Modern Family, Good Friends o solo un certo numero di episodi tra Neighbours and Friends sarebbero anche nella lista nera.

Come scrive il canale televisivo, la protezione delle famiglie e dei bambini è per loro di fondamentale importanza, non solo nei loro programmi, ma anche nel loro ruolo sociale:

"Tuttavia, riteniamo anche che la diversità e la tolleranza siano importanti valori europei e siamo preoccupati che un disegno di legge presentato la scorsa settimana violi gravemente anche la libertà di espressione e le disposizioni della Convenzione dell'UE sulla salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali in materia di discriminazione."

Il progetto sarebbe sproporzionato e ignorerebbe le libertà fondamentali di limitare qualsiasi manifestazione di omosessualità nei media e proibire ai minori di incontrare persone di identità di genere diverse in spettacoli, film o anche solo spot pubblicitari.

Le persone con un'identità di genere diversa dalla maggioranza potrebbero essere ritratte solo con tali esposizioni e in tempi così notturni come i personaggi dei film horror, ad esempio, aggiungono.

“La bozza provoca un danno economico significativo a tutti gli attori nazionali nel mercato dei media e rende più difficile per tutti i cittadini l'accesso a determinati contenuti, ma, soprattutto, il regolamento proposto esclude di fatto le minoranze sessuali dai mass media, rendendo impossibile combattere il negativo stereotipi nella società. lotta", si legge nella Comunicazione.


Leggi il Disclaimer dei contenuti e le risorse di appartenenza

Back To Top