Italian English

BENVENUTO NELLA SEZIONE STREGHE E MAGHI

Troverai informazioni su tutti i maghi e le streghe
Bob Ogden (Dipartimento per l'applicazione della legge sulla magia)
Pin It

Bob Ogden (nato dopo il 1908, presumibilmente nel 1925 e morto poco prima del 7 settembre 1996) era un mago britannico (purosangue o mezzosangue - quest'ultima è l'ipotesi più accreditata), apparso nei libri di Harry Potter e il principe mezzosangue e nei doni della morta parte nei flashback e nei ricordi o sotto forma di menzione completamente omesso negli adattamenti cinematografici, che lavorava al Dipartimento per l'applicazione della legge sulla magia diventando negli anni '20 capo della Squadra per l'applicazione della legge sulla magia. 

Come parte dei suoi doveri, una volta visitò La casa dei Gaunt, poiché il Dipartimento credeva che Morfin Gaunt non solo avesse eseguito incantesimi di fronte a un Babbano, ma si fosse anche avvicinato a quel Babbano, Tom Riddle Snr, e avesse eseguito colpendolo con un incantesimo. Dopo aver incontrato poca collaborazione da parte dei familiari, Ogden si è smaterializzato al Ministero per poi tornare poco dopo con i rinforzi, con i quali ha sopraffatto i Gaunt (padre e figlio) e successivamente li ha consegnati al Wizengamot in attesa del giudizio. La sua vita dopo questo incidente è sconosciuta, ma morì qualche tempo prima del 7 settembre 1996 per cause naturali.

Bob Ogden è stato descritto come un "uomo basso e grassoccio che indossava occhiali enormemente spessi che riducevano i suoi occhi a granelli simili a queli delle talpe". Come la maggior parte dei maghi, era inesperto quando cercava di sembrare un Babbano; la sua scelta di abbigliamento era una redingote e ghette su un costume da bagno intero a righe. Nonostante il suo aspetto, Ogden era un mago estremamente competente e un uomo diretto al punto, che tollerava molto dagli altri e non sentiva il bisogno di giustificare il suo status di Sangue a nessuno, spingendo Harry Potter a riflettere sul fatto che il suo rispetto per l'uomo quando lo vide in un ricordo fu grandemente migliorato dal suo rifiuto dello status di sangue come importante per qualsiasi tipo di discussione.

Era un diligente ufficiale della legge, ha preso sul serio i suoi doveri e ha mantenuto un comportamento professionale e cortese nonostante l'ostilità di Marvolo verso di lui e il Ministero. Non era assolutamente intimorito dal comportamento aggressivo di Marvolo Gaunt, e in particolare era anche inorridito dal modo in cui Gaunt trattava sua figlia Merope, e mostrò sia coraggio che compassione quando la difese dall'assalto di suo padre, che cercò di strangolarla a morte quando seppe che era innamorata di un Babbano. 

Si è anche guadagnato il rispetto postumo di Harry Potter, poiché era un poliziotto devoto che ha affrontato imperturbabile due uomini pericolosi e non sembrava pensare che la purezza del sangue fosse rilevante per l'applicazione della legge sui maghi.

La bacchetta di Bob Odgen era di Legno, lunghezza e nucleo sconosciuti.

La vita:

Ogden è nato da una famiglia di maghi puri o da una famiglia metà babbana e metà magica. Sembrava anche avere problemi a vestirsi con abiti da Babbano come la maggior parte dei maghi, escludendo così la possibilità che fosse di natura mezzosangue. Presumibilmente ha frequentato la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, e dopo Hogwarts è stato assunto dal Ministero della Magia. Dopo l'ingresso al ministero lavorava al Dipartimento per l'applicazione della legge sulla magia diventando negli anni '20 capo della Squadra per l'applicazione della legge sulla magia. 

L'incontro con i Gaunt:

Intorno agli anni '20, Ogden, vestito in maniera male assortita da Babbano (a causa della sua inesperienza nel cercare di assomigliare ai Babbani) che includeva una redingote e ghette sopra un abito intero da uomo a righe, andò al Al Maniera/casa/villa/capanna/baracca dei Gaunt, per intervistare uno dei suoi occupanti. Il Dipartimento aveva motivo di credere che non solo Morfin Gaunt avesse eseguito la magia di fronte a un Babbano - Tom Riddle Snr - la notte precedente, ma si fosse avvicinato allo stesso ed avesse eseguito un incantesimo oscuro su di lui.

All'arrivo, Ogden rimase scioccato quando si trovò Morfin, che parlava serpentese, poco incline alla collaborazione e con la bacchetta puntata. Morfin poi gli lanciò un incantesimo oscuro, che gli fece uscire del pus dal naso. Stordito da ciò, fu portato vicino l'ingresso di casa e vi trovò due Babbani, uno dei quali era lo stesso Babbano che era stato vittima del crimine in questione e la sua amica. Dopo aver ripreso i sensi, Ogden si scusò con i Babbani e consegnò un mandato a Morfin. Il padre di Morfin, Marvolo Gaunt, che invece usava l'inglese, chiamò Morfin e affrontò Ogden. Ogden era educato e cortese e con riluttanza gli fu permesso di entrare per discutere della grave violazione della legge magica da parte di Morfin avvenuta nelle prime ore di quella mattina.

Entrato nella baracca fatiscente e sudicia, Ogden salutò educatamente il terzo e ultimo occupante, Merope Gaunt, e poi intrattenne una conversazione con Marvolo, informandolo dei crimini di Morfin. Ogden aveva detto che il Ministero aveva inviato un gufo all'inizio della giornata, ma Marvolo aveva osservato sprezzantemente che non aveva alcun interesse per i gufi, poiché a suo avviso, la lettura delle lettere inviate con i volatili era per gli imbranati, al che Ogden rispose che la famiglia Gaunt non avevano scuse per ignorare non solo il mandato ma n poliziotto in visita da loro.

Ogden ha assistito al deplorevole trattamento riservato a Merope dalla sua famiglia e alla testardaggine e alla convinzione di Marvolo nella superiorità dei purosangue, ignorando l'affermazione di Ogden secondo cui Morfin aveva infranto la legge dei maghi e proclamando che i Babbani "se la sono cercata". Ogden quindi tirò fuori un piccolo rotolo di pergamena, che rivelò essere una convocazione per un'udienza del Ministero, anche se ciò fece precipitare le cose, poiché Marvolo iniziò una filippica su come la loro famiglia "superiore" non dovesse essere convocata da nessuno. Ogden ha giustificato che era suo diritto come capo della squadra e che gli ha permesso di convocare i sospetti di crimini magici. In seguito, Ogden disse che Morfin aveva sferrato un attacco ingiustificato contro l'indifeso Babbano, che giustificava indagini e punizioni.

Vedendo che la loro discussione non li stava portando da nessuna parte, Ogden si alzò per andarsene, informando Marvolo dell'ora e della data dell'udienza e dell'aspettativa di Morfin di parteciparvi, quando improvvisamente le tre persone iniziarono a usare di nuovo il Serpentese, lasciando Ogden sconcertato e irritato dall'improvviso uso linguistico incomprensibile. 

Marvolo si lanciò improvvisamente per soffocare Merope, e Ogden, preoccupato per la sua sicurezza, eseguì prontamente un Relashio, facendo cadere Marvolo, ma facendo sì che Morfin iniziasse a sparargli indiscriminatamente incantesimi. Ogden è fuggito per salvarsi la vita. Mentre usciva, Ogden fu colpito dalla carrozza di Tom Riddle Snr, e, dopo un breve momento di disorientamento, Ogden ripartì di nuovo per il Ministero e tornò con i rinforzi dopo circa quindici minuti. Ogden e i suoi uomini hanno sopraffatto i Gaunt quando hanno tentato di combattere, li hanno portati via dalla casa e li hanno consegnati al Wizengamot.

Ogden è morto qualche tempo prima 7 settembre 1996 , per cause naturali, ma non prima di Albus Silente che, durante le sue indagini sul passato di Lord Voldemort, lo rintracciò e lo convinse a confidare i suoi ricordi del suo incontro con la famiglia Gaunt. Questi ricordi sono stati riposti nel suo Pensatoio e successivamente mostrati a Harry Potter. Ogden rimase inconsapevole che le sue azioni avevano posto le basi per la creazione e l'ascesa dello stesso Voldemort. Sebbene Bob Ogden abbia contribuito a mettere in moto gli eventi, lo ha fatto nell'adempimento dei suoi doveri, e non lo avrebbe mai fatto se Morfin Gaunt avesse rispettato la legge dei maghi. Alla fine, se non fosse stato per l'attacco di Morfin a Tom Riddle, non ci sarebbe stato Voldemort.

Note: 

  • Bob Ogden e la sua scena della memoria con i Gaunt sono stati completamente omessi dall'adattamento cinematografico di Harry Potter e il principe mezzosangue .
  • È possibile che Ogden sia imparentato con l'ex membro del Wizengamot Tiberius Ogden, anche se non è confermato.
  • È anche del tutto possibile che sia stato l'inventore - o un suo parente - del Whisky Incendiario Ogden (Ogden's Firewhisky), anche se questa è solo una speculazione.
  • Ironia della sorte, le sue azioni sono state ciò che ha messo in moto ciò che avrebbe portato all'esistenza stessa di Lord Voldemort stesso: se Ogden non fosse tornato con i rinforzi, Merope non sarebbe mai stato liberata e non vrebbe avuto l'opportunità di sedurre Tom Riddle Snr; se niente di tutto questo fosse successo, Lord Voldemort non sarebbe mai stato concepito. Tuttavia, Ogden era un agente delle forze dell'ordine che ha reagito a una violazione della legge sui maghi commessa da Morfin Gaunt, e come tale Morfin era la mente dietro la reazione a catena.
  • Marvolo Gaunt si riferiva a Ogden come a un "Mezzosangue", un insulto solitamente riservato a un mago o a una strega di nascita interamente Babbana. La sua completa non familiarità con l'abito Babbano appropriato, tuttavia, suggerisce che fosse mezzosangue. Gaunt potrebbe semplicemente usare il termine come un insulto generale, a causa dei suoi pregiudizi. JK Rowling ha poi confermato che il termine può essere usato anche per coloro che sono nati da mago/strega e babbano/a.


Leggi il Disclaimer dei contenuti e le risorse di appartenenza

Back To Top
Privacy & Cookie

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.