Italian English

BENVENUTO NELLA SEZIONE BACCHETTE

Troverai informazioni sulle bacchette della saga. Note bene che le informazioni così come anche le foto sulle bacchette sono riprese sia da Noble Collection che da Harry Potter: The Wand Collection come anche alcune bacchette non vengono menzionate nei libri e negli adattamenti cinematografici ma sui videogiochi o sul web in maniera ufficiale.
Bacchetta (Wand) di Severus Snape (Piton)
Pin It

La bacchetta di Severus Snape era di lunghezza, legno e nucleo sconosciuti. Questa bacchetta fu probabilmente acquistata da Severus Snape all'età di undici anni, probabilmente dal negozio di bacchette di Olivander, prima che iniziasse il suo primo anno alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts nel 1971.

In legno di betulla, lunga poco più di 12 pollici (13 pollici e 1/2) e dall’anima di crine di Unicorno, questa bacchetta, come sappiamo, non condividerà mai il suo possessore con la Bacchetta di Sambuco, poiché, effettivamente, Piton non ha mai conquistato la bacchetta. Le informazioni sulla bacchetta ci derivano dalla Noble Collection in quanto non viene menzionato niente nella saga in riferimento a questa bacchetta.

Durante i suoi anni come studente di Hogwarts, divenne un mago incredibilmente abile e potente, riuscendo a creare diversi incantesimi di sua invenzione, molti dei quali erano oscuri, come la pericolosissima maledizione Sectumsempra. 

Come professore di Hogwarts, ha partecipato come "aiutante" di Gilderoy Lockhart alDueling Club nel 1992, disarmandolo di fronte a diversi studenti e disintegrando un serpente evocato da Draco Malfoy per attaccare Harry Potter. Nel 1994, Sirius Black prese questa bacchetta dopo che Harry, Ron e Hermione disarmarono Piton nella Stamberga Strillante.L'ha poi usata per rivelare Crosta come Peter Minus. Non si sa cosa sia successo alla bacchetta dopo la morte di Severus, anche se è possibile che sia stata sepolta insieme al corpo di Snape, che è una pratica comune nel mondo dei maghi .

 


Leggi il Disclaimer dei contenuti e le risorse di appartenenza

Back To Top