Italian English

BENVENUTO NELLA SEZIONE BACCHETTE

Troverai informazioni sulle bacchette della saga. Note bene che le informazioni così come anche le foto sulle bacchette sono riprese sia da Noble Collection che da Harry Potter: The Wand Collection come anche alcune bacchette non vengono menzionate nei libri e negli adattamenti cinematografici ma sui videogiochi o sul web in maniera ufficiale.
Bacchetta (Wand) di Bellatrix Black (Lestrange)
Pin It

La prima bacchetta di Bellatrix era lunga 12 pollici e ¾", fatta di legno di noce con un nucleto di corda di cuore di drago. La bacchetta è stata costruita da Garrick Olivander, che l'ha descritta come ' inflessibile" o "Rigida".

Poiché Hermione Granger ha identificato questa bacchetta come quella che ha torturato Alice e Frank Paciock, è probabile che Bellatrix Lestrange abbia usato questa bacchetta sia prima che dopo la sua prigionia ad Azkaban, acquistata probabilmente dall'età di undici anni. L'ha recuperata dopo essere fuggita di prigione nel 1996, combattendo con essa durante la Battaglia del Dipartimento dei Misteri e uccidendo suo cugino Sirius Black. Ha anche usato la sua bacchetta per eseguire un voto infrangibile tra Severus Piton e sua sorella Narcissa (Black) Malfoy.

Bellatrix ha usato questa bacchetta fino alla primavera del 1998, quando Ron Weasley la disarmò a Villa Malfoy dopo che aveva torturato Hermione. Tenne un coltello alla gola di  Hermione e ordinò a Harry e Ron di buttare a terra le loro bacchette, e a Draco Malfoy di raccoglierle. Tuttavia, quando Dobby lasciò cadere un lampadario, non fu in grado di raccoglierle. Bellatrix ha lanciato loro il coltello e ha colpito Dobby nel tentativo di impedire loro di andarsene. Questo non ebbe successo e l' elfo domestico e il trio fuggirono con la bacchetta di Bellatrix.

Bellatrix riferì alla Banca dei Maghi Gringott che la sua bacchetta era stata rubata, poiché temeva che Harry, Hermione e Ron avrebbero cercato di entrare nel suo caveau, che conteneva un oggetto importante per Lord Voldemort. Poche settimane dopo, questo è esattamente quello che hanno fatto. Hermione usò la bacchetta durante la sua imitazione di Bellatrix, ma trovò che brandirla fosse sgradevole, dal momento che non solo non ottenne la sua fedeltà, ma anche le attività criminali ad essa associate non erano in linea con la stessa Hermione. Harry, che all'inizio pensava che Hermione fosse schizzinosa per una bacchetta con cui non aveva alcuna affinità, improvvisamente sentì il bisogno di spezzarla o addirittura tagliarla in due con la Spada di Grifondoro come vendetta per le sue vittime dopo che Hermione gli ricordò che fu la bacchetta che uccise Sirius.

La bacchetta di Bellatrix fu usata da Hermione almeno fino alla Battaglia di Hogwarts, durante la quale Hermione duellò con Bellatrix con la sua stessa bacchetta, insieme a Ginny Weasley e Luna Lovegood. Non è noto se Hermione abbia tenuto la bacchetta dopo la morte di Bellatrix e la fine della Seconda Guerra dei Maghi, ma è molto probabile che l'abbia buttata, avendo espresso odio per la bacchetta e il suo proprietario originale.

  • Il legno della bacchetta di Bellatrix, Noce, è associato ad alcune antiche superstizioni europee. Nell'Italia del XVII secolo, si credeva che un albero di noce a Benevento fosse un luogo di ritrovo per le streghe. Un'altra leggenda sosteneva che nulla dovrebbe essere coltivato vicino a un albero di noce, perché contiene il male o veleno .
  •  Non si sa come Bellatrix abbia recuperato la bacchetta dopo la sua fuga da Azkaban. Lo stesso problema si pone con gli altri Mangiamorte fuggiti da Azkaban. È possibile che questa non sia la bacchetta originale di Bellatrix o semplicemente una sostituzione. Hermione potrebbe essersi sbagliata quando ha affermato che Bellatrix ha usato questa bacchetta per torturare i Paciock.
  • Durante le riprese di Harry Potter e l'Ordine della Fenice, Helena Bonham Carter ha forato accidentalmente il timpano di Matthew Lewis quando gli ha infilato la bacchetta nell'orecchio durante la scena della Battaglia del Dipartimento dei Misteri, in cui Bellatrix minaccia Neville Paciock.
  • In Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 1, Bellatrix fa uscire una frusta dalla sua bacchetta, che usa contro I ghermidori che impugnano la Spada di Grifondoro.
  • Il puntello della bacchetta utilizzato nei film ha una leggera curvatura con incisioni, in modo tale da assomigliare all'artiglio di un grande uccello. Ci sono anche incisioni sulla bacchetta di Sirius Black, che potrebbero indicare un confronto familiare.
  • Un errore appare nel suo poster completo per Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 2 poiché Bellatrix non ha più la sua bacchetta che invece è nella mani di Hermione.
  • Nel adattamento videogioco di Harry Potter ei Doni della Morte: Parte 2 , Bellatrix ha ancora il possesso della sua prima bacchetta come si vede combattendo nella Sala Grande con sé a pochi passi dalla sua scomparsa.
Prima bacchetta di Bellatrix
Copyright © Potterandmore.com - Prima bacchetta di Bellatrix

La seconda bacchetta di Bellatrix era di lunghezza , legno e nucleo sconosciuti . È anche sconosciuto chi ha fatto la bacchetta; forse è stato prodotta da Garrick Olivander.

Questa bacchetta è stata usata da Bellatrix Lestrange dopo che Ron Weasley l'ha disarmata durante la Schermaglia a Villa Malfoy nel 1998.  Non si sa di quale legno o anima fosse fatta la bacchetta o cosa le sia successo dopo la morte del suo proprietario.

Pare che alcuni Mangiamorte siano stati informati del passaggio dalla sua prima bacchetta, poiché Travers ha interrogato Hermione Granger a riguardo quando ha usato la Pozione Polisucco per impersonare Bellatrix al fine di entrare nella Banca dei Maghi della Gringott.  Bellatrix uccise con questa bacchetta sua nipote, Ninfadora Tonks, durante la battaglia di Hogwarts finché non fu uccisa da Molly Weasley. È possibile che Molly Weasley sia diventata la padrona di questa bacchetta dopo aver ucciso Bellatrix Lestrange.

La seconda di BellatrixCopyright © Potterandmore.com - La seconda di Bellatrix


Leggi il Disclaimer dei contenuti e le risorse di appartenenza

Back To Top