Italian English

BENVENUTO NELLA SEZIONE BLOG

Troverai informazioni, pensieri, opinioni e l'almanacco del giorno delle informazioni su Harry Potter e Animali Fantastici. Direttamente dal sito WizardingWorld.com contenuti esclusivi tradotti per Voi.
J.K Rowling: Arthur Weasley doveva alla fine morire ma l'impatto sarebbe stato troppo forte, al suo posto scelse Lupin con la moglie Ninfadora

I libri e i film di Harry Potter hanno visto la morte di molti amati personaggi, molti dei quali durante la Battaglia di Hogwarts, vedi Silente o Sirius poco prima, e tra questi c'erano Remus Lupin e Ninfadora Tonks – ma perché la Rowling ha deciso di ucciderli? Con il tempo, il mondo dei maghi è diventato uno degli universi più estesi e amati del genere fantasy; tutto è iniziato nel 1997 con la pubblicazione del romanzo d'esordio Harry Potter e la pietra filosofale. Questa è stata la prima di una serie di sette romanzi, che è diventata un fenomeno mondiale e ha lasciato il posto a una saga cinematografica di grande successo.

I romanzi e i film di Harry Potter raccontano la storia del "ragazzo che è sopravvissuto" e di Lord Voldemort, il mago più oscuro di tutti i tempi, che aveva piani pericolosi sia per il mondo magico che per quello babbano legati ad una vendetta personale contro Harry, che non riuscì a uccidere quando era un bambino. 

 

Ora, quando è arrivato il momento per i libri di fare il salto sul grande schermo, molti personaggi, eventi ed elementi hanno dovuto essere lasciati da parte per ragioni diverse, ma in generale, i film di Harry Potter erano abbastanza fedeli al materiale originale, e qualcosa che non è cambiato molto sono state le molte tragiche morti durante la serie, specialmente quelle durante la Battaglia di Hogwarts.

Sebbene le storie di Harry Potter siano rivolte a un pubblico giovane, affrontano argomenti piuttosto oscuri e hanno alcuni momenti davvero strazianti e a volte spaventosi, e alla Rowling non sembrava importare molto del numero di personaggi che ha ucciso né di quanto vicino a Harry avrebbero potuto essere questa morte o relazionarsi con esso. La vita di Harry è stata in realtà segnata dalla morte e dalla tragedia fin dalla tenera età, con la morte dei suoi genitori per mano di Voldemort e in seguito l'omicidio del suo padrino, Sirius Black, in Harry Potter e l'Ordine della Fenice per mano di Bellatrix Lestrange. 

Una volta morte le persone vicine a Harry, si interruppe anche il legame con Remus Lupin e con sua moglie Ninfadora Tonks, che finì quando entrambi furono uccisi durante la battaglia di Hogwarts, lasciando lettori e spettatori con il cuore spezzato e chiedendosi perché la Rowling abbia fatto questo per l'ennesima volta a Harry.

Copyright © - Battaglia di Hogwarts morte di Lupine Ninfadora
Copyright © - Battaglia di Hogwarts morte di Lupine Ninfadora

J.K. Rowling ha avuto la tradizione di scusarsi per la morte di un personaggio nell'anniversario della battaglia di Hogwarts (tenutasi la notte del 2 maggio 1998), e nelle scuse del 2016 è stata la volta di Lupin. Ora, a un certo punto, la Rowling aveva in realtà pianificato di uccidere Arthur Weasley in Harry Potter e i doni della morte, ma si è resa conto che la morte di Arthur avrebbe avuto un grave impatto sull'arco narrativo di Ron, quindi ha deciso di non farlo, ma qualcuno doveva prendere il suo posto, poiché aveva già pianificato di sbarazzarsi dei genitori "della parte buona" alla fine della serie di libri. Rowling ha quindi scelto Lupin, così come sua moglie Ninfadora Tonks, poiché il figlio neonato, Teddy, sarebbe rimasto orfano, il che rispecchiava il tragico passato di Harry. Parlando a Today nel 2007, la Rowling ha spiegato che una delle "cose più devastanti della guerra sono stati i bambini rimasti orfani”, come accadde nella prima guerra con la morte di James e Lily Potter; quindi voleva mostrare “un altro figlio lasciato solo”. Ovviamente, il destino di Teddy è stato molto diverso da quello di Harry, poiché aveva sua nonna e suo padrino (Harry) si prenderanno cura di lui.

La Rowling ha persino aggiunto alle scuse, per aver ucciso Remus Lupin, che "non le è piaciuto farlo" e che l'unica volta che il suo editore l'ha vista piangere è stato per il destino di Teddy Lupin, ma alla fine si è assicurata che avesse una vita migliore di quanto non abbia fatto con Harry lasciandolo in realtà con i membri della famiglia che si prendevano cura di lui e lo stesso Harry Potter che si prendeva a sua volta del piccolo orfano. I fan di Harry Potter sono stati sicuramente sollevati dal fatto che Arthur Weasley non sia stato ucciso, ma anche il costo per averlo vivo è stato molto doloroso.


Leggi il Disclaimer dei contenuti e le risorse di appartenenza

Back To Top