Italian English
Animali fantastici: In attesa di info sul 4 capitolo Johnny Depp potrebbe tornare a vestire i panni di Grindelwald
Pin It

 

In attesa di informazioni sul 4 capitolo della saga, anche se dopo il flop i vertici della Warner pensano attualmente ad altro, Mads Mikkelsen getta l'amo per un possibile ritorno di Depp nel tuolo del mago oscuro Grindelwald.

Non c'è dubbio: è bastata la vittoria al processo contro l'ex moglie perché Hollywood si innamorasse di nuovo dell'ex maledetto Johnny. Mads Mikkelsen (56 anni, che ha sostituito Depp) sarebbe felice di restituire a Johnny (59) il ruolo di Grindelwald nella saga di Animali fantastici.

L’ha detto l’attore danese, diventato una star negli USA grazie alla serie tv Hannibal, al Festival di Sarajevo. Alla domanda ricevuta ha dato una risposta netta.: «Adesso che è stato dichiarato innocente, sarebbe giusto che la parte tornasse a lui. Sinceramente ho provato imbarazzo a sostituirlo nel terzo film, Animali fantastici e i segreti di Silente». 

Johnny Depp era stato il mago oscuro albino della saga-prequel di Harry Potter negli episodi precedenti. Poi i processi avevano convinto Hollywood che averlo nel cast di un film considerato «per famiglie» sarebbe stato non idoneo per il box office (come se non averlo avesse portato a qualcosa in più - ndr). E così mentre Depp perdeva la causa contro il tabloid inglese che l’aveva definito «picchiatore di mogli», perdeva anche contratti milionari come questo e quello di I pirati dei Caraibi

Ma adesso la situazione si è rovesciata. Johnny Depp ha vinto la causa contro l’ex moglie Amber Heard. È a questo che ha fatto riferimento l’attore danese che, dopo aver fatto il cattivo di Casino Royale, si è ritrovato al suo posto nella saga sceneggiata da J.K. Rowling in persona.

A Sarajevo, Mikkelsen (protagonista anche del film Oscar Un altro giro), ha detto:

«Ovviamente adesso le cose sono cambiate. Lui ha vinto la causa, quindi vediamo se tornerà. Potrebbe. Sono un grande fan di Johnny. Penso sia un attore straordinario, credo che abbia sempre fatto un lavoro fantastico.

Non è stato facile sostituirlo. Ho provato imbarazzo. Mi sarebbe piaciuto incontrarlo, parlargli… Quando poi mi sono ritrovato sul set, ho capito che non potevo copiarlo. Johnny ha una personalità fortissima. Sarebbe stato un suicidio creativo.

Così ci siamo dovuti inventare qualcosa di diverso, che fosse mio e potesse costruire un ponte fra lui e me. Mi sentivo spaventato. I suoi fan erano dolcissimi, ma anche abbastanza decisi. Ho cercato di relazionarmi con loro, ma capivo anche che avevano il cuore spezzato».

 

 

 

 

 

 


Leggi il Disclaimer dei contenuti e le risorse di appartenenza

 

Back To Top
Privacy & Cookie

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.