Italian English

SEZIONE NOTIZIE ITALIA

Benvenuto nella sezione Notizie Italia "Troverai tutte le notizie aggiornate quotidianamente"
Harry Potter: IOS e ANDROID accendono e spengono le torce con l'incantesimo "LUMOS" e "NOX"
Pin It

La funzione inserite da IOS pare funzionare anche su Android e permette di accendere e spegnere la torcia del telefono con i due incantesimi "LUMOS" e "NOX". Il trucco, per quanto riguarda IOS consiste nell'utilizzare SIRI per "lanciare l'incantesimo"; tale trucco è stato svelato dall'utente @_lvpotterhead su Twitter qualche tempo fa.

Siri può gestire questa operazione già da iOS 12 con il semplice comando accendi-la-torcia "lumos" ma a quanto pare di recente è stata aggiunta la variante “magica”, che secondo alcuni utenti che hanno risposto al tweet sarebbe estesa anche alla funzione opposta, ovvero allo spegni-la-torcia che nel gergo di Harry Potter si traduce con l’incantesimo “Nox”. I comandi funzionano con la lingua inglese selezionata.

Pare inoltre che questa non sia una prerogativa degli iPhone ma che sia possibile accendere e spegnere la torcia anche dei telefoni Android utilizzando i medesimi comandi/incantesimi con l’Assistente di Google, come dimostrato dall’utente @lindseybri che ne ha condiviso il video eseguendo l’operazione dal suo Samsung S21+ (su altri telefoni pare funzioni la variante “Lumos Maxima”, che nella serie del maghetto accende una luce molto più forte, simile a un raggio solare, utilizzato per illuminare a giorno la zona circostante oppure per accecare temporaneamente un avversario, o per difendersi dalle creature magiche che temono la luce o che non tollerano i raggi del sole, come il “Tranello del Diavolo”).

Ma ci sarebbe anche un terzo incantesimo potteriano che pare funzionare: quello di appello, “Accio”, che se seguito dal nome dell’applicazione, consentirebbe di avviarla, alla stregua di quanto da anni è già possibile fare utilizzando il termine più babbano (tanto per restare nella terminologia della saga) “Apri”.


Leggi il Disclaimer dei contenuti e le risorse di appartenenza

Back To Top